Home
Chi siamo
Presentazione dell'attività
La Scuola "Alfio Popi"
Archivio locandine
Sci Escursionismo
Il corso
Le nostre gite
Link utili
Contattaci
Come raggiungerci


S.E.M. Società Escursionisti Milanesi Club Alpino Italiano


SCI ESCURSIONISMO, OVVERO...

Definire la nostra attività è allo stesso tempo facile e difficile: affine allo sci alpinismo quando la meta è rappresentata da cime o colli, ricorda invece lo sci nordico, adottandone le tecniche, quando ci si impegna in traversate a bassa quota ed in fondovalle. Nel primo manuale CONSFE (Commissione Nazionale Sci di Fondo Escursionistico) troviamo un passaggio che, con eleganza e pertinenza, dipana il groviglio di definizioni nelle quali finirei presto ingarbugliato:
"Lo sci escursionistico, con il suo carattere polivalente, non strettamente legato ad una specifica disciplina, costituisce un ritorno allo sci originario quale semplice mezzo per muoversi sulla neve" (Manuale di Sci di Fondo Escursionistico, cap. 02.20, collana I Manuali del CAI ed. 1988). Semplice ed essenziale.

Nascondendo un sospiro di sollievo nel constatare che qualcuno ha già "battuto la traccia" nello spiegare la nostra attività, non mi resta che proseguire: lo sci escursionismo è l'escursionismo praticato in inverno su terreni innevati ed, ovviamente, con gli sci.
Non lasciamoci ingannare dalle disparate forme di sci: lunghi e stretti, corti e larghi, più agili e leggeri o più stabili e robusti; ognuno sceglie l'attrezzatura più adatta al suo modo di interpretare l'escursionismo.
Il gusto e l'interesse personale, insieme all'allenamento ed alla tecnica sciistica, definiscono i nostri itinerari, che si arrestano dove è necessaria l'esperienza alpinistica: in alta quota, sui ghiacciai, in presenza di passaggi su roccia; negli stessi luoghi e situazioni dove l'andare in montagna cessa di chiamarsi "escursionismo", lì lo sci escursionista lascia spazio allo sci alpinista.

Insomma: con tale varietà di itinerari la performance non è obbligatoria ed il divertimento è assicurato per tutti! Infine: il tipo di attacco (e di calzature) da noi utilizzato (è quello che lascia il tallone "libero" anche nella fase di discesa) consente di utilizzare una tecnica di curva (il telemark) facile ed accattivante, in grado di affascinare anche il discesista più "sgamato"…. Mi fermo qui, spero di aver stuzzicato la vostra curiosità al punto di proseguire nella visita al nostro sito ....buona continuazione!

Stefano